All posts filed under: Cloud9

Cloud9 – week.15

Guess who’s back? La miglior collezione degli sconosciuti di Soundcloud dell’internet, appena sfornata per accompagnare le vostre pause dallo studio o la vostra colazione a base di psilocibina e Tiberio Timperi. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.13

Dopo esserci ripresi dal troppo delle vacanze, superato il trauma della loro fine, siamo ancora qui con un playlist per lo studio e la meditazione trascendentale, voi dovete solo stendere le gambe e smettere di pensare all’esame che avete domani. Domani. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.12

Visto che l’odio per il Natale l’abbiamo già esaurito tutto la volta scorsa, oggi faremo finta che sia estate, in India,  col caldo, i monsoni e la droga musica. La musica. Ci si risente tra qualche settimana, appena torniamo dall’India. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.11

Se siete sopravvissuti due settimane senza di noi, forse potete farcela ad affrontare l’ennesimo Natale col mondo, auguri, vediamoci prima di partire per le vacanze, messaggi alla mezzanotte come a capodanno, il male insomma. Nel frattempo, oltre l’ultimo pezzo di  Shlohmo, potete ascoltare la solita compila (occhio alla guest star nel finale) e volare in pace. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.09

Capisci che c’è un motivo all’alto numero di disoccupati con una laurea in filosofia quando il professore di storia del pensiero teologico si presenta a lezione con due casse Bose e spara a tutto volume un canto gregoriano cinquecentesco (durata: 9 minuti e 6 secondi di pura perplessità esistenziale). Le nostre casse, invece, pompano il meglio di Soundcloud, anche questa settimana. Amen. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.08

Piove, fa caldo, castagne, vino e The lady è la tua nuova serie preferita, tutto procede per il peggio. Anche questa settimana ci si chiude in casa con le cartine lunghe ad accompagnare la musica e le luci spente. Renato Dende & Filippo Mosca

Cloud9 – week.06

Ingerire il nostro intruglio settimanale di pezzi sconosciuti ma sofisticati e belli è la cosa migliore, dopo la droga, per fare a pugni con quell’atmosfera autunnale di fiacchezza, raffreddore e corse perché cazzopioveombrellodovecazzosei. Quindi, anche oggi, mettetevi le cuffie e ciao. Renato Dende&Filippo Mosca