All posts filed under: Blackground

Blackground w/Quaint

Il mondo hip hop è pieno di storie. Abbiamo chiesto ad alcuni dei suoi protagonisti, i 5 dischi che hanno influenzato la loro scrittura ma non solo: oggi tocca a Quaint di Bologna, che in questo momento sta lavorando al prossimo disco da solista. Shezan il Ragio – Sectio Aurea Considero Shezan il Ragio sicuramente uno dei miei Mc preferiti, nonché stilisticamente uno dei migliori rappresentanti di Bologna, attivo già dai tempi di Custodi del tempo e Uomini di mare. In seguito a Randagio Sapiens,disco concettuale e molto innovativo, ha prodotto un disco anche come beatmaker che secondo il mio parere riflette l’Hip hop a 360 gradi,dalle sonorità più hardcore a quelle piu’ classiche,funk e soul,mantenendo uno stampo inconfondibile e la sua originalità e genialità in tutte le tracce. I miei pezzi preferiti sono “Fantasia e Matematica”,”Sectio aurea” feat. Lord Bean,”Scala piramidale”,”Dentro di me” feat. Hiko e “Parassiti”. Ribbores – Arkè  Ribbores l’ho visto per la prima volta esibirsi al Sottotetto e in seguito in altre Jam estive fino ad arrivare a conoscerlo sentendo le sue qualità di freestyler e di …

Blackground w/CreMa

Il mondo hip hop è pieno di storie. Abbiamo chiesto ad alcuni dei suoi protagonisti, i 5 dischi che hanno influenzato la loro scrittura ma non solo: per iniziare c’è il giovanissimo talento Toscano, CreMa. Uomini di Mare – Sindrome di fine Millennio  L’ho divorato nel periodo della classica depressione adolescenziale, quando tutto e’ nemico ed incanali la tua angoscia nella musica malinconica “E che gioia ammalarsi (..) sentire la casa svuotarsi seimila testi sparsi” Trovo che sia un album capace di descrivere una generazione di disillusione ed atarassia ma anche quotidianita’ e monotonia, con una grande delicatezza Ratatat  – Classics Una colonna sonora adatta a qualsiasi contesto e situazione, riff azzeccatissimi e soluzioni geniali per ogni brano. Per me ha significato molto, portandomi ad “adottare” una band per il mio rap, volendo fondere suoni acustici ed elettronica. Murubutu – La bellissima Giulietta ed il suo povero padre Grafomane  L’album che, personalmente, reputo una svolta nel cantautorato Italiano, capace di fondere liriche rap e strumentali classiche con storytelling di spessore e profondita’ fuori dal comune. …