Mese: marzo 2015

JMDL – Silence

Questa volta bisognava gettare il cuore oltre l’ostacolo. Silence è un disco sentito, sudato e ben calibrato. Jack Makkia e Dam Larko hanno deciso di mettersi insieme per fare questo salto e sotto lo pseudonimo/targa/tag JMDL, che poi è la somma dei loro nomi d’arte, si sono messi in gioco dopo una vita passata a calcare i palchi di una città come Bologna e non solo. I due non sono più adolescenti. Probabilmente lavorano e spesso, mangiano merda nel loro quotidiano. Il rap diventa lo sfogo di fine giornata, il luogo dove poter ricreare i propri fine settimana e il rischio che tutto ciò diventi sempre di più una finestra della propria vita non è da escludere. Eppure in una nazione come l’Italia, dove troppe volte ci vogliono far pensare che giovane = bravo e vecchio = finito, il tempo per affidare a due 30enni la riscossa della musica hip hop sembra quasi doveroso. Alle volte è triste pensare che alla soglia dei 30 anni, possa esser già tardi per esprimere la propria arte oppure vedere …

Beat Italian PT.12

La domanda della settimana è: secondo voi Gerry Scotti potrebbe apprezzare la scena di produttori Italiani? In questa foto Woody (sicuramente più esperto in materia poiché fan di hellomynameisra) ha consigliato qualche traccia/disco al presentatore più acclamato dalle donne Italiane di età compresa fra i 60 e i 75 anni, e ha scelto il nuovo beat tape di Natty Dub che è di una delicatezza meravigliosa, la traccia del fresco e audace Mircokorg e molto altro. Voi non fate come Mike Bongiorno (abbiamo ritrovato sta salma?) mettiti le cuffie, saluta Antonella Elia e ascoltati queste musiche fresche fresche.

IOSONOUNCANE – DIE

Nell’arte, ma soprattutto nella poetica di IOSONOUNCANE, oltre lo stile sperimentale e introverso, ho sempre notato una spensieratezza chiara e solare. Die sancisce il ritorno dell’artista e lo fa con 6 tracce che hanno un modo particolare di raccontare mondi e spazi, passando da vibrazioni techno a chitarre leggere, per certi versi quasi soavi e melodiose. All’attesa di questo tempo passato fra il disco passato e il nuovo, ha reagito così andando a viversi il suo mondo, raccogliendo esperienze, facendo suonare 15 artisti nel disco e scrivendo tracce anche da 10 minuti. Non è interessato alle dinamiche, alla struttura, ai protocolli che la musica indipendente va inseguendo da qualche anno a questa parte, esce per quello che è, senza troppe pressioni. Di artisti così forse, sarebbe meglio ce ne fossero di più, perché lasciando perdere il lato romantico del fare musica nel 2015 in Italia, abbiamo una necessita forte di azzerare i personaggi e i compromessi per cercare di vivere maggiormente il momento in cui viene ascoltato qualcosa, da un qualcuno che non ha esigenza …

Nuove musichine di inizio primavera

È finito l’inverno ed è iniziata la primavera. Stanno per arrivare dischi molto importanti per l’annata internazionale di uscite discografiche e molti dei protagonisti, gettano in rete all’improvviso singoli brani in attesa di feedback. Qui c’è una raccolta interessante, che vi ruberà giusto 30 minuti del vostro prezioso tempo: Elias ha quasi 20 anni e arriva dalla Svezia. Esce con questa traccia post Soul delicatissima che intreccia perfettamente una buona dinamica di scrittura alla musica prodotta. Lapalux non è sicuramente un debuttante, ma è appena uscito con un brano insieme a Andreya Triana che anticipa l’imminente uscita del nuovo disco prevista per il 7 Aprile, ovviamente firmata Brainfeeder. Da Belfast con l’attitudine punk ci sono i Girls Names che hanno pubblicato una traccia che ti porta in terreni decisamente pop ma con la sfumatura psichedelica a tenerti incollato al computer. How To Dress Well live con l’orchestra, ed è subito MAGIA. Lei è magica, sbarazzina e poliedrica. Tei Shi è uno di quei nomi che faccio fatica a pensare lontano dal successo vuoi per il groove dei suoi …

Toro y Moi – Run Baby Run

Finalmente quest’attesa è terminata. Toro y Moi fra poco più di due settimane rilascerà il nuovo disco che ci sta facendo ascoltare, settimana dopo settimana, singolo dopo singolo, da un paio di mesi a questa parte. Sembra il lavoro della definitiva consacrazione per il poliedrico artista dal gusto sopraffino, il groove prelibato e il suono raffinato. 17 Aprile da segnare sul calendario, poi tutti a comprare la copia fisica.

Lo zaino pieno di Rap ep.04

Altro giro. Altro zaino. Questa volta riempito fugacemente. Partiamo da un ponte costruito in giro per l’Italia a suonare nei club più underground di provincia e non solo. Qui la crew Pugliese Effetto Domino “contro” i Foga Klan di Torino, ci rappresentano la loro storia di amicizia e backstage passati insieme. Frenetico e malsano proprio come piace a me. Modo esce per Teste di Serie (free download del disco qui) con un disco spaziale made in Treviso, non perdete tempo grazie e ascoltatelo. Rod Turner invece è uno di quelli che fra 18 mesi sarà in ben altri lidi perché massiccio e completo. Arriva con la forza di un tornado e spazza via tutto in attesa del super disco. Bologna. Estratto dal suo EP, esce pure il video di Corey con Nuvole Basse. Insieme a lui c’è il video dei ragazzi della KongRega, collettivo che va ben oltre rap e arriva persino alla grafica. 100% autoprodotti, 100% una figata. Roma Nord. Kenny Ramp e tantissimi saluti.

Rainy Milo – ‘Bout You

16-17 anni al massimo. Era il 2012, quasi autunno ma ancora caldo per poter girare per il centro città. Rainy Milo aveva quell’età e stava per uscire in rete con un lavoro in free download fantastico chiamato “Limey”. Avevo già sentito qualcosa nei vari social musicali (vedi soundcloud) e mi ero perdutamente innamorato della sua musica e di questa voce black in salsa white molto candida ma allo stesso tempo soul massiccio. Ho pensato subito che fra qualche tempo sarebbe stato impossibile contenerla e allora le ho scritto una mail chiedendole una sorta di intervista per questo sito, quando ancora non ci cagava nessuno. Lei mi ha risposto subito lasciandomi pure il contatto skype, poi l’intervista per via della mia grande pigrizia + qualche appuntamento scolastico è stata per sempre rimandata. Ho ricevuto per qualche mese da una mailing list il materiale in anteprima e poi, la storia potrebbe concludersi qui perché solo il tempo ha permesso all’artista di diventare quello che tutt’ora è e soprattutto sarà nel futuro della musica mondiale. È stato caricato …

Bearcubs – Paper Walls

Non avevamo mai parlato del Londinese Bearcubs? Colui che sta aprendo diverse date del tour di Tourist ha rilasciato qualche ora una traccia meravigliosa dal titolo “Paper Walls” capace di farti innamorare ancora una volta, del suono elettronica made in UK. C’è una grande anima soul e molto altro in poco meno di 4 minuti che sono poi 221 secondi esatti.

Beat Italian PT.11

Abbiamo perso una settimana perché impegnati a difendere i nostri interessi (vai a leggere qui per capirci meglio) ma oggi recuperiamo il materiale selezionato qualche giorno fa. Ad esempio, l’EP firmato Natty Dub, elemento dei Funk Shui Project di cui abbiamo parlato 432 volte, e un paio di uscite smarrite nella cartella mail della Beat Machine. Poi c’è qualche nuovo innesto dai suoni glitch e pure un mini-mix che pubblichiamo solamente noi, perché amanti di questo genere di iniziative. Per il resto, che dirvi? Avete inserito le cuffie? Avete combattuto il crimine tipo Batman? Noi lo continuiamo a fare, anche se siamo amabili teste di cazzo.