Poesia non vuol dire noia
Lascia un commento

Poesia non vuol dire noia#1

Poesia non vuol dire noia#1

Poesia non vuol dire noia#1Con questo articolo inauguro una nuova rubrica, seducente e malata, con tanta rabbia e qualche stimolo per voi lettori, con l’intento di aprire l’antro della bestia di un ragionamento, stiracchiare qualche mente.
Ah, e se lo stimolo invece che essere culturale è intestino, non abbiatene vergogna.

Mi accingo quindi ad inaugurare l’orrido e il brillante della poesia di oggi. Il fulmine mi colpì durante la mia esperienza di lavoro a Norwich, nella Eldorado inglese. La storia è breve: trovo lavoro nelle cucine di un ristorante di una catena di pizzerie (i più audaci potranno tentare di indovinare quale): parlo, rido, inforno pizze, scherzo, minacciano di licenziarmi perché l’Italia aveva battuto l’Inghilterra ad esordio di mondiale, ascoltiamo musica.

Ma ecco anche l’incubo e il delirio.

Ero io quello che a volte doveva mettere i piatti in lavastoviglie, quello che, cinico, cacciava giù nel bidone pizze, verdure, pasta, dessert che tornavano nelle cucine col disgusto rappreso e freddo.
A fronte di uno spreco allucinante, passeggiai chiedendomi da dove venga questo disprezzo.

È qui che incontrai Femi Fatoba.
Chiacchierammo per qualche secondo, giusto il tempo di dirmi chi fosse, da dove venisse, cosa facesse; poi mi spiegò a caratteri fiammeggianti:

In America

l’ autostrada corre troppo veloce

per l’uomo per sentire il terreno di sotto;

il miraggio non ha tempo

di sembrare come acqua:

e troppi arcobaleni

strangolano le nuvole.

(“In America”, trad. mia).
Ed ecco che questi versi fuggenti di fretta, pongono la questione: chi non si è mai chiesto che fine facciano gli immigrati (quel 10%, QUINDI, che non ha il suo passatempo preferito nel complottare contro l’occidente, stuprare, spacciare, far risse!) dopo essere sbarcati? Cosa gli succede, quando non finiscono al cimitero perché morti sul lavoro?

Beh, per questo Fatoba è un’ ottima risposta: non è un invisibile Mattia Pascal, non è nemmeno Moammed Sceab, l’amico egiziano con cui Ungaretti ha vissuto a Parigi, suicidatosi perché déraciné, sradicato (“Si chiamava Moammed Sceab/ discendente/di emiri di nomadi/suicida/perché non aveva più/Patria/amò la Francia/e mutò nome […]”.) (“In memoria”)

No, Fatoba è “uno di quei pochi fortunati” che è diventato capitalista all’occidentale. Forse.

Io sono uno di quei pochi fortunati

che non ha il senso dell’olfatto:

quando il capo lo chiede

e va a letto con mia moglie

la lascia venire a casa per un bagno

e le mette il suo abito migliore,

una festa di promozione non puzza;

Quando l’Onorevole Ministro adesca mia figlia

e mi zittisce con la concessione di un appalto

è la gratificazione di padre

e non puzza.

 Quando porto mia madre dal negromante                                                                                                                                                            

per il rituale del denaro*

come puoi aspettarti che io mi ricordi                                                                                                                                                             

l’odore di un cordone ombelicale                                                                                                                                                                       

tagliato anni fa

O quello del vincolo di sangue                                                                                                                                                                            

quando uso il teschio di mio fratello                                                                                                                                                                    

come sapone?

Non sento

i rigurgiti di fame dei piccoli bambini                                                                                                                                                              

quando gli strappo via il cibo per nutrire il mio cane;

Io sono uno di quei pochi fortunati                                                                                                                                                                         

che hanno perso il senso dell’olfatto.

*Money ritual

(“One of those lucky few”, trad. mia)
Fatoba è un integrato, tenuto in vita dalla poesia, dall’amore per la perequazione economica. Ma quasi non afferra più il senso ancestrale e mistico dei riti nativi, che barbari non dicono più nulla.

Ma non è diventato un “Moammed Sceab”. La poesia pare averlo salvato, riallacciato al ricordo, quantomeno, del “cordone ombelicale”. In fondo è un apolide, come dovrebbero essere tutti i “poeti”, senza storia ma con milioni di storie, senza casa ma con case ovunque, non con l’occhio sul proprio ombelico ma su miliardi di ombelichi. E chissenefrega del proprio!

Giovanni Sommavilla 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...