Mese: agosto 2014

Ciao Mario speriamo di non vederci più

Finisce così in una normale giornata di Agosto l’avventura di Mario Balotelli al Milan. Promessi sposi da una carriera, in poco più di una stagione fatta di espulsioni, rigori, goal e tante avventura extra calcistiche termina quella che doveva essere l’esperienza della definitiva consacrazione del sempre giovane attaccante Italiano. Bando ai formalismi. Balotelli è arrogante, non è (ad oggi) un fuoriclasse, gioca la maggior parte delle partite fuori ruolo, extra-campo si fa notare per i soliti problemi, nasce a Palermo, vive a Brescia e ha la pelle scura. Ama le donne, ama le belle donne, ha problemi con la propria figlia (non c’ho capito ancora un cazzo della vicenda), è accusato di scarso impegno, possiede una serie di macchine costose, probabilmente ha una casa fantastica e quando gioca in nazionale non fa la differenza. Ha rovinato un gruppo di giocatori, fatto licenziare allenatori esasperati e infine comunica solo grazie ai social network. Mario Balotelli, in una società come la nostra, dove non è tollerato il singolo errore figuriamoci gli errori non può restare. Siamo il …

La prima volta che vidi Marat Safin

6 Agosto 2000, Toronto. Al National Tennis Centre si affrontano per la finale della Rogers Cup, meglio conosciuto come l’Open del Canada il russo di 20 anni, numero 8 del tabellone Marat Safin e Harel Levy, Israeliano di 22 anni proveniente dalle qualificazioni. Marat Safin è alto, di bellissima presenza e con la faccia da schiaffi. Non ha nulla da chiedere, lui ottiene ciò che vuole. Donne, sponsor, catene al collo, maglia firmata aperta con il petto di fuori, completo colorato e un braccio assassino. Servizio fluido e potente, rovescio bimane fresco e decisivo. Giovane ma già destinato, arriva a questa partita dopo aver giocato praticamente un ora ogni partita. La sequenza era sempre la stessa: entrava in campo appena sveglio, perdeva il primo set, si svegliava e vinceva in scioltezza. Dall’altra parte Harel Levy, l’eroe del torneo per aver eliminato buona parte dei favoriti alla vittoria finale. Stoico, basso, non certo una bellezza, rovescio a una mano molto semplice ma non offensivo, completo bianco composto e pulito con tanto di polsini. Giocatore concentrato lungo…

The Love Thieves – The Love Thieves EP

Caotico Synth Pop per le vostre giornate in spiaggia. Appena svegli, perfetto per la domenica pomeriggio l’omonimo EP dei The Love Thieves (Livornesi) è una botta di adrenalina nell’apatia post sabato sera. Sono 4 tracce che ti entrano nel cervello e spazzano via tutti i massicci residui ballando e saltando pur essendo senza energia. Fresco e interessante, da sentire.

Abiku – Qui non succede mai niente

Che gli Abiku siano ormai una grande realtà della musica Indie Pop in Italia non avevamo alcun dubbio. Qualche settimana fa, è uscito questo bellissimo video per un meraviglioso singolo che anticipa l’uscita del prossimo disco per Sherpa Records a settembre. “Qui non succede mai niente” può emozionarti con la sua leggerezza e raccontarti di un tempo passato a inseguire un qualcosa con il sorriso sulle labbra. Si può scaricare gratuitamente, fatelo.

Whilk and Misky – Clap Your Hands

Lo candidiamo a brano dell’estate? No seriamente i Whilk and Misky sono ancora una misteriosa realtà musicale da seguire attentamente sui social network poiché fanno brani pazzeschi come questo. Arrivano da Londra e sanno spaziare dal Dark Pop a un suono puramente House, Whilk produce e Misky ci mette una voce pazzesca. Le loro tracce fanno ballare, riflettere e quasi emozionare. Noi vi proponiamo il brano dell’estate “Clap Your Hands” ma vi alleghiamo tutto quello che hanno pubblicato in rete. NEXT BIG THING!