Album del giorno, Musica Italiana, Recensioni, Streaming Audio
Lascia un commento

Altre di B – Sport

Altre di B - 1998

Altre di B - 1998 Nella stagione 2001-2002 in serie A si affacciava una squadra neo-promossa di un piccolo quartiere di Verona. Il Chievo allenato da mr.Luigi Del Neri con l’attacco delle meraviglie Corradi – Marazzina – Cossato – Pellisier. A centrocampo c’erano Perrotta (mamma che giocatore unico) il Genio Corini, quello che fu Eriberto (ora Luciano) e in difesa la diga centrale composta da D’Anna – D’Angelo con Lupatelli guardiano fra i pali. È il 16 dicembre 2001, allo stadio San Siro in quel di Milano si affrontano il blasone e la fame di successo dell’Internazionale FC e l’emergente Chievo Verona. Al minuto numero 54 della partita Marazzina taglia l’area di rigore della difesa nero-azzurra e insacca il pallone alla spalle di Toldo. Il Chievo espugna San Siro, Davide batte Golia, appassionati davanti alla televisione sbigottiti ma soprattutto felici per quanto accaduto. Potrebbe esser questa la sintesi perfetta per raccontare la storia di 5 ragazzi di Bologna, cresciuti in una città dove la musica è una religione quanto il calcio per l’Italiano medio. Può sembrar banale, ma il disco della consacrazione delle Altre di B passa soprattutto dallo sport e dal messaggio non troppo scontato di come sia bello e affascinante perseverare nelle proprie passioni cercando di raccontare se stessi. Sono così, pur essendo giovani da tanti anni salgono sul palco e saltano, urlano, ballano, sudano, si emozionano e cosa meravigliosa, si divertono.

Quando c’è un concerto firmato Altre di B sai che ti divertirai e dentro di te continuerai sempre a tifare per loro, proprio come il Chievo dei miracoli in quella splendida annata. Raggiungi le vette più alte dell’adrenalina con Sherpa, abbracci la persona vicino a te con 1998, inizi il coro da stadio con Bonnaroo, ti senti protagonista insieme a Zoff, sorridi grazie a Shimano, salti con Subbuteo e accendi l’accendino su Roland Garros. Insomma anche se detesto raccontare i dischi traccia dopo traccia, qui il tutto è venuto spontaneo, proprio come loro a cui non posso che augurare uno strepitoso successo, pensando soprattutto ai tempi in cui ci si trovava nei luoghi più disperati del centro storico, con 4 birre e 2 pacchetti di sigarette a sentire qualche brano in anteprima. In fondo quel Chievo Verona giocava benissimo e loro suonano proprio come quelle perentorie sgambate di Simone Perrotta nell’area di rigore avversaria mentre il disco è veramente il miglior prodotto uscito dall’officina indipendente Bolognese da molti anni a questa parte. Grandiosi, in attesa di San Siro mi raccomando.

ASCOLTA “SPORT”  IN STREAMING CLICCANDO QUI

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...