Altrimondi, Editoriale
Lascia un commento

Chi, cosa, come, quando e perché.

tumblr_n0fezmybQy1s4ms7ro1_500

tumblr_n0fezmybQy1s4ms7ro1_500Invasioni mediatiche di ultima generazione popolano le mie/nostre giornate fra social network e paese reale (vedi fermata del tram lunedì mattina ore 8.52). Non si parla d’altro, cannibalismo e stupro oppure semplice goliardia? Avanguardia del web o censura? Zuppa o pan bagnato? Ostruzionismo o privatizzazioni? Se non avete ancora capito il trend topic del nostro paese, fate un salto qui, noi nel frattempo ci limitiamo a raccontare chi, cosa, come, quando e perchè agisce sui nostri mass media. Magari troviamo pure una soluzione a tutto questo.

Avete capito il topic?

Avete capito il topic?

intellettualoidi con risposte sofisticate per non banalizzare; vedi il 90% dei giornalisti digitali/blogger/influencer non da poco. Persone capaci di argomentare il proprio pensiero girando attorno a questo garantismo patinato da dibattito virtuale. Insomma, gran fuffa che punta il dito contro lo sdegno di Laura Boldrini e rilancia con modestia culturale il problema di fondo (?! ho letto testualmente così da alcuni di loro).

moralisti che intraprendono la strada del virale #iostoconlaura; vedi una buona parte degli utenti di instagram in cerca di nuovi seguaci, abbastanza vecchi da aver fatto qualche salotto radical chic borghese ma pure troppo giovani per capire che la sovrastruttura non ha proprio a cuore la questione femminile nel nostro paese.

Moralisti per Boldrini.

Moralisti per Boldrini.

– i grillini, più comunemente conosciuti come avatar foto di cani e gatti con la bandiera a 5 stelle; non sono svegli, abbastanza lunatici e non vedono l’ora di condividere all’amico che alle ultime elezioni ha votato per Pierluigi Bersani lo schifo che fa il Partito Democratico tramite un video inchiesta realizzato con uno smartphone di ultima generazione direttamente live dal parlamento. Capiscono le offese e contrattaccano, vedi Andrea Scanzi che non riesce a tenere le sue palle depilate nelle mutande.

i triturati dall’opinione pubblica virtuale; non possono più avere profili social e comunicare tramite internet. Dopo aver espresso un pensiero vicino alla corrente #iostoconlaura, vengono cyberdistrutti da utenti che scriveranno frasi del tipo “che grande delusione, venduto” – “questi sono zombi che parlano”. Si aggirano in programmi televisivi abbastanza colti e possiedono qualche titolo di studio reale (non come i master all’estero in quel di Chicago). Sul web, riposeranno in pace.

Triturati in modo gentile

Triturati in modo gentile.

Alessandro Di Battista; generalmente si aggirano in cerca di una telecamera mentre tentano di sradicare il busto di Giolitti per aprire una porta aperta (storia vera leggete qui). Vogliono che i Speranza ridiano il pane rubato agli Italiani, visto che hanno un sacco fame. Non hanno molto da dire e non rispondono alle domande, utilizzano slogan abbastanza dorotei e non hanno nulla di nuovo da raccontare. Sono contro, sempre e comunque forse anche a loro stessi.

Palle depilate

Coalizione fra Grillini in versione palle depilate (a destra) e un tipico esponente dei Di Battista (a sinistra).

i benpensanti ovvero quelli che tutto sommato non sono molto interessati; hanno la verità in tasca, il problema non sussiste queste sono chiacchiere e gli scontri non esistono, ripresa nel 2014 ma anche #iostoconlaura (nel dubbio) perché in fondo non tutti i grillini sono uguali (tranne quelli con le palle depilate che non sopportano) ecc..ecc.. bla bla.

i giornalisti cospirazionisti con la barba curata e vestiti da 1976; c’è un complotto, negli studi televisivi cercano di trovare la chiave di lettura della faccenda senza dare ragione a nessuno dei due grandi macro-schieramenti. Un piedi di qua e un piedi di là, il problema genera audience e visualizzazioni nelle repliche su youtube o in streaming per chi ha la fortuna di lavorare in un canale televisivo. Magari c’è un collegamento con qualche telefonata cancellata da Napolitano o forse è colpa del precedente governo, questo ancora lo devono vendere.

Rocco Casalino; scrivono lettere per abbassare vertiginosamente il dibattito. Possiedono giacche molto anni 80 e si gonfiano le labbra dopo aver partecipato a un reality show (non vincendolo). Non colgono il punto della questione ma ritengono giusto ottenere un pochino di popolarità sollevando insight discutibili tipo quando esci con una ragazza/o e intraprendi discorsi sul cinema per poi renderti conto che l’ultimo film che hai visto è di quattro anni prima, e vedeva Paolo Ruffini protagonista.

Fortunatamente #paesevirtuale

Fortunatamente #paesevirtuale

Mentre le persone leggeranno questo post e cercheranno di identificarsi in una di queste categorie o magari ne suggeriranno altre nell’apposito spazio commenti (poco sotto per intenderci), le scommesse su quanto possa durare tutto questo orrendo spettacolo apriranno la prossima settimana, sempre che la bolla mediatica continui a dar spazio alle volgari provocazioni dell’internet e tutto ciò che ne deriva, senza dover far nascere una nauseante guerra fra guelfi e ghibellini .

Ah dimenticavo, se fossi in macchina con Laura Boldrini? Chiederei semplicemente scusa per tutto questo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...