Interviste
Comment 1

w/Brain

BRAIN X Collettivo HMCF

BRAIN X Collettivo HMCFSe dovessi parlare Brain come artista, leggendo il suo percorso e ascoltando la sua musica, mi piacerebbe paragonarlo alla città di Bologna. Sua grande musa, ormai insita nella sua vena artistica, sperimentatrice ma allo stesso tempo attenta alle origini, proprio come lui. 

Rispetto a 10 anni fa, com’è cambiato il Brain artista (se posso definirti così).

Sono cambiate così tante cose che mi sembra siano passate 2 vite. All’inizio era tutto cosi genuino che sembrava quasi facile, poi sono arrivati i tempi delle sfide e delle rivalse nei confronti di chi non credeva in me, o in noi. E’ stata una cosa in continuo crescendo, un mondo che pian piano s’è costruito da solo, è come se pian piano, mattone dopo mattone, mi fossi costruito il mio angolo di vita, al riparo da tutto.

Cosa c’è che non va nel mondo hip hop in Italia? Forse troppe ipocrisie, del tipo “prima mi stai sul cazzo poi però il feat. lo faccio“.

L’ipocrisia non è di certo una bella cosa, ma non solo in Italia credo un pò ovunque. Francamente dipende un pò uno come se la vive, ho passato dei periodi in cui la maggior parte delle situazioni mi facevano schifo, e mi sembrava tutto marcio. Poi però ho capito che la maggiorparte di ste cose sono circoscritte all’ambiente del web, e mi son distaccato da quell’esser preso male nei confronti di tutto. Alla fine se sei capace, la gente che deve sapere lo sa e te ne rende conto. e a me basta questo.

Francesco e Brain sono la stessa persona o credi alla separazione fra uomo e artista?

Se facessi questa domanda anche ad altri il 99% ti risponderebbe che è la stessa persona, ma io son troppo pirandelliano per mentirti cosi. La verità è che credo che lo scrivere per me sia il contatto piu intimo che ho con la mia persona, nel quotidiano sono molto diverso, più distaccato da me e piu attaccato alla realtà. Sono cresciuto molto in fretta e allo stesso tempo, son rimasto bambino.

Dammi qualche nome nuovo della scena per il 2014.

Parlo di Bologna perchè è la scena che conosco meglio, e per nuovi ti dico: Dam Larko, Brenno, Jack Makkia, On the Move. Poi ovviamente ci saran delle conferme e dei nuovi lavori di artisti che secondo me alzeranno ancora il livello: Claver Gold, Don Diegoh, Murubutu, Lord Madness, E.Green, Kenzie e ce ne saranno molti altri ancora.

Il disco è pronto? Cosa c’è dentro a livello personale?

Tutto quello che rappo è personale. qua lo sarà ancora di piu ovviamente. Sarà un disco vario, ci sono storytelling che han riferimenti alla mia vita, pezzi potenti, pezzi piu easy, c’è un pò di tutto dentro, come fu per Brainstorm, di ogni pezzo ho voluto farne un “quadro”. Son riuscito a collaborare con un bel pò di mc in questo disco, mc che stimo da tempo e che son riuscito a incontrare nelle varie date che ho fatto in giro, il rispetto reciproco ha generato queste collaborazioni e son contento perchè tutti i pezzi son venuti come volevo.

Nel tuo percorso musicale, solo rap o anche altro?

Quando ho cominciato in realtà facevo sopratutto il dj, mi piaceva lo scratch e mi sono allenato per 2 anni… però fondamentalmente ho fatto solo rap.

Se Brain fosse e perché: un cantautore, sarebbe Deandè perchè magari potessi anche esser solo vicino a deandrè. uno scrittore, sarebbe uno scrittore di romanzi rosa perchè vendono di piu. un film, sarebbe lo zingaro di the snatch, perchè trucca gli incontri di box scommettendo su se stesso. un politico, non sono adatto alla politica, cambio idea in poco e per poco. Anzi forse son perfetto per entrare in politica..

Cambiare paese o cambiare il proprio paese?

Bisogna cambiare il proprio paese. Perchè cambiare paese? perchè ammettere la sconfitta e abbandonare le nostre radici? Dovremmo impegnarci tutti per farlo, ma siamo incatenati nello stesso sistema che vorremmo distruggere.

La collaborazione che hai sempre sognato? Mi puoi citare anche qualche grande del passato.

Ce ne sarebbero tanti. Saltando i nomi piu blasonati, che già sapete.. a me piacerebbe davvero tanto fare un pezzo con Soul boy. E mi piacerebbe ricollaborare in qualche modo con Lugi.

In conclusione, senza regole a mò di freestyle cosa rappresenta per te la città di Bologna.

Bologna è una vasca in via indipendenza con tua moglie e tua figlia. Un whisky con ghiaccio guardando Pharoahe Monch. Un sacco di mani alzate quando fai un live. Il traffico in tangenziale. I tortellini il sesso e la ganja. La mia faccia su un muro nei pressi di Castel Maggiore. Bologna è la mia famiglia, mia madre, mio padre, mia moglie e mia figlia. Grazie ora e per sempre Bologna.

Brain FNO - Nome e Cognome murales

This entry was posted in: Interviste
Tagged with: ,

da

Nato a Bologna il 30.11.91 quando fuori pioveva. Cresce, gioca a tennis giornate intere, fonda il Collettivo HMCF scrive per DLSO e Crampi Sportivi, si laurea e dorme.

1 commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...