Editoriale
Lascia un commento

Arrivederci 2012, ti ricorderò così

small_IMG_7338Il primo giorno dell’anno è il momento più genuino. Stai seduto, spesso in casa o alle volte nel letto, e non riesci ad accedere a buona parte delle tue funzioni cerebrali. Rimani fermo, davanti al muro bianco e inizia a ragionare su quei “buoni propositi” per l’anno appena iniziato. Tutte straordinarie cazzate, che però inconsciamente ti toccano. Io faccio “rewind”, parafrasando proprio Vasco Rossi, e vado a raccontare il 2012 di queste pagine.

Willis Earl Beal venne catapultato all’esordio discografico proprio a Gennaio dalla XL Recordings. La sua storia, fatta di strada e musica a domicilio, colse l’attenzione dei media del settore, che già gridarono al capolavoro senza nemmeno ascoltare il lavoro completo. Qualche sfumatura positiva, ma ancora tanto lavoro da fare, colpisce il personaggio e la voce.

Criticare questo tipo di cantautorato è diventato ufficialmente sport olimpico a partire dalle precedenti olimpiadi di Atene. Scherzi a parte, piovono da Bologna dopo tanta gavetta e ci ricordano che la musica non è solo esecuzione ma anche messaggio, meno banale e istantaneo di quello che sembra, Turisti della democrazia è un disco che tra qualche anno, anche i più scettici, rivaluteranno.

Un martello pneumatico che non ha mai smesso di risuonare. Dai club all’acustico, passando per sentimenti e grandissimi scazzi, 360 gradi puri per i Breton, collettivo che amo per la capacità audio/video e per l’accurata ricerca mentale.

Steven Ellison ha fregato tutti capendo meglio di chiunque altro, quale fosse il trend del momento e riuscendo a sdoppiare il suo ego artistico in più sfaccettature. Da Captain Murphy a Flying Lotus, passando per la Brainfeeder. Insomma il ciclone dell’anno, forse l’uomo copertina.

La scena hip hop Italiana si consacra, tra battaglie del tipo “io sono più ghetto di te” oppure “io sono più vero di te” (però facciamo le foto insieme), sta vivendo il momento di massima visibilità di questo millennio almeno. Guardando bene la situazione, molti caratteri sono presenti in alcune trasmissioni di Maria De Filippi: i dialoghi, i dissing e questo assurdo integralismo rende molto divertente e fruibile per lo spettatore questa musica. Stai a vedere che sono tutti d’accordo?

“La club culture sta demolendo il settore della musica dal vivo”. Aspettate, qui sto focalizzando la vostra faccia davanti allo schermo, basita che trasuda la seguente opinione “no ma che cazzo sta dicendo”. Fermiamoci un attimo, mi limito a guardare  ciò che mi circonda, i nuovi suoni sono entrati in modo prepotente nell’industria musicale, non è un male sia chiaro, ma le recenti difficoltà di alcuni club noti per i concerti dal vivo, mi fa pensare che il tutto possa esser legato. La gente non ha più voglia di godersi un concerto, le affluenze lo testimoniano,  ma preferisce ballare e divertirsi, senza troppi pensieri, d’altronde la quotidianità non regala tanti sorrisi.

Su questo argomento comunque ci torneremo molto presto, con qualche intervista interessante.

Meriterebbero citazioni tanti artisti di cui si è parlato nelle recenti “liste dell’anno” ma sinceramente preferirei concludere quest’articolo, che racchiude la storia di questo sito/portale fatto da giovani appassionati e non da critici affermati e di successo, con il peso delle parole tratto da una fotografia indelebile di questo 2012.

This entry was posted in: Editoriale
Tagged with:

da

Nato a Bologna il 30.11.91 quando fuori pioveva. Cresce, gioca a tennis giornate intere, fonda il Collettivo HMCF scrive per DLSO e Crampi Sportivi, si laurea e dorme.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...