Musica Italiana, Recensioni
Lascia un commento

Obagevi || Nel momento in cui parlo del fuoco

Picchi di serotonina ragazzi, non c’entra il sangue che hai sulla tua pelle mentre cerchi il punto G nel tuo culo.

Il nuovo disco degli Obagevi ( Oh ma scemi raffreddati ) è l’esordio ufficiale con tanto d’etichetta discografica, quella FOH Records che tenta di far rivivere la passione per il rock nella città di Bologna. Si chiama “Nel momento in cui parlo del fuoco” e contiene 10 tracce di cui sopra ho citato alcuni passaggi in modo ironico e sarcastico, perché la prima verità assoluta di questo lavoro è che tutto pare legato da semplici spunti e da racconti adolescenziali. Voce, basso e testi sono di Vittorio Marchetti, alla chitarra Francesco Baiesi e alla batteria Luca Rizzoli. Una miscela post punk, più sul pop-rock, un disco da comprendere nella sua essenza con facili step: Bologna, anni post liceo e tanta voglia di suonare, il tutto viene immagazzinato ed esplode in tracce come Sangue o Punto G, poi c’è La Poesia, che mi fa pensare alla bellezza delle piccole cose. Tanto lo sapete odio raccontare i dischi traccia dopo traccia, sono tecnicismi da persone noiose, prive di fantasie che probabilmente (oltre a scopare poco) non hanno colto la felicità nell’ascolto di un disco ben fatto come questo.

Con gli Obagevi andresti fuori a cena, ma soprattutto sogneresti di finire a Kualalampur, perché il mio mondo è grande e io non lo temo più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...